Cinafonino

6 maggio 2009, Comments 0

Circa tre anni fa contattai un’azienda Cinese di Shenzen perchè volevo importare in Italia una serie di prodotti Hi Tech praticamente inesistenti in Europa tra cui l’odierno cinafonino (termine coniato per i cellulari cinesi). Feci un primo acquisto di prova per testare la qualità dei cinafonini e dei vari accessori e devo dire che la qualità era veramente buona, c’erano cellulari spettacolari con TV gratuita (praticamente il cellulare ha l’antennina come una normale tv portatile) quando invece bisognava pagare un botto di soldi per vedere laTV con la 3 restando connessi con UMTS. Altro prodotto che destò il mio interesse era il cellulare da polso, faceva tanto supercar.

 All’epoca l’importazione dei cinafonini era un vero affare, i costi erano veramente bassissimi (intorno ai 60 euro) e potevano essere rivenduti almeno a 150 e considerando che almeno 20 euro se li prendeva la dogana si poteva avere un guadagno di circa 70 euro per ogni cinafonino. Sfortunatamente all’epoca non ebbi il coraggio di intraprendere quest’avventura che poi si è rivelata molto fruttuosa per tante persone. Oggi importare cinafonini non conviene più, li vendono tutti su ebay e addirittura ci sono dei negozi che li vendono su strada (non so come facciano dato che non sono certificati per norme europee e non potrebbero essere venduti). Come qualsiasi oggetto Made in China, il cinafonino ha monopolizzato le vendite in Italia, tutto quello che è made in China travolge l’Italia come un ciclone, non c’è modo di evitarlo, aspetto con ansia i nuovi gadget hi tech dalla Cina, anche se un po di giochini nuovi già li ho visti (un PC dual core grande come un NINTENDO DS).

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>